Quale genere di Programma Radiofonico vi piacerebbe condurre?

Conduzione Radiofonica

Quale genere di Programma Radiofonico vi piacerebbe condurre?

Ognuno di noi ha una propria personalità, un proprio carattere e questi si riflettono nella vita di tutti i giorni determinando poi le decisioni che prenderemo nel corso della nostra esistenza. Questo succede anche in radio, in maniera marginale e diversa, nel senso che se un programma deve rappresentare la realtà ma soprattutto deve permettere allo speaker di esprimersi al massimo delle sue potenzialità, deve per forza di cose essere adatto a lui e alla sua personalità radiofonica.

Quante volte abbiamo sentito dire “questo è proprio il programma che fa per lui”, “questo è un programma che gli calza a pennello” o ancora “il programma è sbagliato non lo fa rendere al massimo” e affermazioni di questo tipo? Più o meno funziona così, si ricerca per anni un format adatto al conduttore radiofonico in questione, magari facendo delle prove, chiudendo e riaprendo programmi che possono durare una stagione o anche meno fino a trovare la quadratura del cerchio e raggiungere il format perfetto per un determinato speaker.

Può poi succedere che lo stesso binomio format-speaker diventi così forte e funzionante da identificarsi a pieno con l’emittente continuando per anni e rappresentando la stessa radio divenendo così il format di punta, oppure al contrario alcuni speaker possono cambiare radio e avvicendarsi con altri conduttori portando il format che li ha resi famosi da una radio all’altra ripresentandolo per struttura con alcune modifiche. La soluzione però più classica è il lancio di vari programmi fino a trovare quello che davvero funziona e allo stesso modo sia adatto allo speaker che lo conduce.

Proprio per raggiungere l’obiettivo prefissato, è di fondamentale importanza che il programma sia cucito su misura e pienamente adatto alla personalità dello speaker. Tornando al discorso iniziale, in base alle vostre “caratteristiche radiofoniche”, quale programma vi piacerebbe condurre? Cosa vi rappresenta al meglio?

Provando a generalizzare in modo esemplificativo, credo che le tipologie di programmi esistenti si possano raggruppare in contenitore informativo, programma comico, talk, programma musicale e programma sportivo. A prima vista potrebbero sembrare molto simili e alla portata di tutti, ma fidatevi che ognuno di essi nasconde insidie e particolarità che richiedono intanto una buona dose di preparazione ma soprattutto talento e affinità con quel genere di contenuti. Occorre il linguaggio adatto, la scelta corretta delle notizie da dare oppure delle rubriche da inserire, addirittura lo stile di conduzione e il modo di esprimersi sono importanti per dare carattere al programma e tutte queste caratteristiche vengono soddisfatte solamente se chi gestisce la diretta si trova in sintonia con l’argomento trattato.

Personalmente, dovessi scegliere la tipologia di programma da condurre, sceglierei un talk all’interno di un clock a metà tra una radio di flusso e una radio di personalità: solitamente questo tipo di programmi implicano interventi piuttosto lunghi e frequenti, io preferirei dei parlati intorno ai due minuti, massimo tre, con interventi ogni 2/3 canzoni per “mascherare” un po’ il programma e renderlo più scorrevole. Ancora meglio se fosse in una fascia oraria serale, dalle 21 alle 23 o alle 24 ad esempio. Un incrocio tra “Deenotte” su Radio Deejay e “Molto personale” su R101, senza però limitarsi a parlare d’amore o di rapporti di coppia come spesso accade nei due programmi. Questo perché mi piace raccontare storie e far partecipare gli ascoltatori, amo quel tipo di programmi.

Voi per cosa vi sentite più adatti? Quale genere di programma vi piacerebbe condurre?

Articolo a cura di Nicola Zaltieri