Giallo 24: Un esperimento riuscito

Libri sulla Radio

Giallo 24: Un esperimento riuscito

E’ stato divertente, questa estate, ascoltare in radio le puntate di Giallo 24, la trasmissione che il Giallo Mondadori ha realizzato insieme a Radio24, la voce radiofonica di Il Sole 24ORE. Non è stata un’impresa facile, perché abbiamo chiesto agli ascoltatori e agli autori di gialli di provare a cimentarsi con la narrativa del mistero e dell’investigazione, e di farlo nel modo più difficile, cioè scrivendo un racconto abbastanza corposo e poi una versione brevissima (ma altrettanto completa e comprensibile), di una sola cartella dattiloscritta, la misura massima perché una storia possa risultare interessante per gli ascoltatori” ( L’iniziativa di Franco Forte- Giallo 24)

Il romanzo poliziesco, pieno di mistero e drammi imprevisti da risolvere, ha da sempre affascinato gli italiani che ne individuano, simbolicamente, il genere con il colore giallo, tinta che contraddistingue in Italia, dagli anni trenta, le copertine di questo tipo di libri.

I racconti sui delitti e le relative indagini, per la loro complessità, hanno contaminato anche il cinema. Leggendario resta il capolavoro americano Psycho di Hitchcock, che amplifica le tensioni e le ansie dei misteri classici in giallo, gettando le basi del thriller moderno. Nel tempo i gialli hanno precorso l’evoluzione della società moderna sviluppandosi come genere di largo consumo.

In letteratura si parte con il racconto “The murders in the rue Morgue” di Poe del 1841 che riporta in sé tutti gli elementi tipici del genere: trama misteriosa apparentemente inspiegabile, sospetto di innocenti, indagine oggettiva e razionale, soluzione imprevedibile ma semplice e, infine, compresenza di un duo investigativo( investigatore esperto e collaboratore acuto e diligente).

Lo Sherlock Holmes di Doyle, poi, inserisce elementi di azione e suspense frammisti con qualche carattere horror per un investigazione semplice e concreta, mentre la scrittrice Christie si afferma nel 1920, mescolando vari meccanismi narrativi che partono dall’indagine investigativa razionale e psicologica a cui corrispondono i famosi personaggi di Hercule Poirot e Miss Marple, caratterizzati da una fine intelligenza e un forte acume psicologico.

In Italia il giallo resta, soprattutto, lavoro di traduzione da letterature straniere, ma non mancano esempi nostrani interessanti come Camilleri con il suo commissario Montalbano ,e autori celebri come Carlo Lucarelli e il compianto Giorgio Faletti.

Gli italiani, in fondo, amano i gialli da spiaggia come i grandi classici investigativi e, non è un caso, se la cronaca nera risulta, ancora oggi, tra le più seguite. Ogni anno muoiono nel mondo, per morte violenta, più di un milione di persone e, in media, ogni giorno 1424 persone vengono uccise.

In Italia, in questi ultimi dieci anni, sono aumentati i delitti di “prossimità” con un’alta percentuale di casi legati all’ambito familiare. Ma la realtà non può mai superare la fantasia di uno scrittore che aggiusta la storia in modo cosi particolare da far intravedere l’assassino e il suo lato oscuro. Così in una vita apparentemente tranquilla può celarsi il mistero più fitto, una trama enigmatica da risolvere passo passo, nero su bianco.

Nell’estate 2012 Radio24 ha realizzato un brillante e riuscito esperimento con la complicità della giornalista Raffaella Calandra e il contributo della Mondadori. Si è così creato un ponte ideale tra radio e carta che ha permesso di far rivivere in radio la passione per questo popolare genere narrativo.

La conduttrice Raffaella Calandra, specializzata in cronaca giudiziaria, vanta una formazione di tutto rispetto. Dal 2012 è anche vicedirettore della Scuola di Giornalismo W.Tobagi dell'Università Statale di Milano. Al suo attivo conduce, attualmente, due programmi di successo su Radio24: A ciascuno il suo e Storiacce.

Per l’iniziativa ci si è chiesti se e come gli italiani riescono a scrivere un giallo e da questa domanda nel 2012 è nato su Radio24 il programma Giallo 24 che ha visto la collaborazione del noto gruppo editoriale Mondadori. Da questa idea è partito l’invito a cimentarsi con questo tipo di racconti.

E tra migliaia di storie inviate ne sono state scelte soltanto dieci, che sono state proposte in radio e, poi, ripresentate nell’ e-bookGiallo 24. Il Mistero è in onda” in cui è possibile leggerle sia in versione lunga che breve o radiofonica. Tracce di cronaca che travalicano ogni immaginazione e lasciano spazio agli incubi più frequenti, hanno trasformato tranquilli ascoltatori in abili autori di noir sorprendenti.

Il progetto ha esordito, radiofonicamente, il 7 luglio 2012 con la lettura del primo raccontoAsparago siculo” di Salvo Figura. L’introduzione è stata curata dal direttore editoriale del Giallo Mondadori, Franco Forte, poi seguita dal commento finale di Carlo Lucarelli, sulla sua particolare interpretazione della cronaca nera. L’iniziativa si è conclusa con la pubblicazione di tutti i racconti.

Ai dieci racconti selezionati la Mondadori ha voluto aggiungere nel volume altre cinque storie che non hanno potuto essere accolte in trasmissione, data l’esigua brevità del programma estivo. Tutti i romanzi possono considerarsi di grande qualità e spessore ed hanno caratterizzato un intera estate radiofonica.

Il programma Giallo 24 ci ricorda che “fare radio” è, in primo luogo, creatività e spirito di iniziativa e se un progetto è davvero originale viene sempre premiato.

 

Articolo a cura di Nicoletta Zampano