Mondadori Pubblicità: anche Radio Sportiva nel portafoglio.

Radio News

Mondadori Pubblicità: anche Radio Sportiva nel portafoglio.

La pubblicità è “l’anima” del commercio, come direbbe qualcuno. Lo sanno bene i titolari delle attività commerciali i quali,in vista delle prossime festività natalizie,  spesso investono buona parte del proprio budget in eventi o spot promozionali. Ma non sono da meno gli editori radiofonici.  Nei nostri articoli abbiamo diverse volte affrontato la questione riguardante i contratti pubblicitari che le emittente stipulano con determinate aziende e/o imprese; spesso la raccolta pubblicitaria è affidata a concessionarie, al servizio di importanti network.

Tra di esse, spicca Mondadori Pubblicità, la quale, è interessata da novità che si concretizzeranno nel corso del nuovo anno, ormai “alle porte”. Infatti, per il 2014, è previsto l’ingresso di una nuova emittente nel ricco “carnet” gestito dalla concessionaria del Gruppo Mondadori. Oltre alle ormai confermate R101, Radio Kiss Kiss, Radio Italia solo musica italiana e alle recenti “new entry”, Radio Subasio e Radio Norba,  a partire dal 1° gennaio sarà ufficialmente acquisita anche l’emittente interamente dedicata allo sport, denominata appunto Radio Sportiva, di cui parlammo in uno degli scorsi articoli.(Radio Sportiva: 24h su 24 di Infomazioni sullo Sport)

Cosa ne pensa Paolo Salvaderi - Direttore Generale di Mondadori Pubblicità

Soddisfatto per quest’ultima acquisizione, Paolo Salvaderi, direttore generale di Mondadori Pubblicità, il quale, sulla base di questo nuovo ingresso, conferma la scelta oculata e attenta della concessionaria nei confronti di realtà radiofoniche importanti e di spicco dell’etere nazionale. Una pianificazione commerciale “in progress” da parte di Mondadori Pubblicità che, in quest’ultimo caso,si rivolge ad un target abbastanza identificato ed omogeneo data la programmazione che contraddistingue l’emittente “sportiva”.

Radio Sportiva: una nuova Syndacation?

Ma le novità per Radio Sportiva non finiscono qui. Infatti si vocifera di una possibile grande “syndication”  finalizzata alla trasmissione  dei programmi sportivi, di proprietà dell’emittente, sulle frequenze di radio locali, quasi a  creare un circuito nazionale al quale possono fare riferimento tutte quelle piccole realtà radiofoniche desiderose di arricchire il proprio palinsesto, senza però rinunciare alla professionalità di conduttori come quelli “on air” su Radio Sportiva.

Insomma, sono tante le cose che “bollono in pentola”, per una radio che in soli 3 anni ha riscosso un notevole successo, a testimoniarlo sono anche le frequenti interazioni degli ascoltatori sulla pagina ufficiale Facebook , ricca di “like”.

Articolo a cura di Maurizio Schettino