The Theory: il nuovo libro di Marco Mazzoli dello Zoo di 105

Libri sulla Radio

The Theory: il nuovo libro di Marco Mazzoli dello Zoo di 105

Il dj più chiacchierato di Italia, Marco Mazzoli dello Zoo di 105, dopo i successi avuti con le sue due “biografie”: “Radio-grafia di un dj che non piace – La mia vita dentro e fuori Lo Zoo di 105” e "Non mollare mai", ci riprova alla grande con il primo reale romanzo di debutto “The Theory – Il codice del destino”: un fantasy avventuroso dai tratti misteriosi e complessi tutti da scoprire.

Una scrittura adulta, quasi dark, carica di suspense e adrenalina che ha come protagonista un giovane adolescente di Seattle, Scott Mason che gioca tra realtà e immaginazione.Un romanzo avvincente che ci permette di cogliere la capacità narrativa e descrittiva di un autore da prima fila.

Non stupisce pensare al “nostro” Marco Mazzoli come ad un vero genio della penna, in fondo la “bravura “è di famiglia, basta guardare suo cugino Davide Simon Mazzoli con cui aveva collaborato per i suoi primi “capolavori” scritti. Tra l’altro il brillante Davide ha pubblicato recentemente il suo romanzo fantasy di esordio “Le Terre magiche di Midehndhil: un progetto editoriale senza precedenti. Dal libro sul magico mondo di Midehndhil si prosegue con un sito web, una app e un format tv gestiti dalla Endemol e presto il romanzo diventerà anche un grandioso parco di divertimenti a Orlando, in Florida e non solo, si prevedono una serie di parchi a tema anche in Italia.

Leggendo l’anteprima di The Theory, scritta da Marco, mi saltano alla mente due film cult americani relativamente recenti: il drammatico Donnie Darko del 2001 firmato da  Richard Kelly e il fantasy In Time di Andrew Niccol del 2012.

In The Theory invece si parte da un Artefatto oscuro (The Artifact): il suicidio di un uomo milionario di trentacinque anni, un certo Mark, distrutto dalla perdita della sua compagna Lisa. Una riflessione forte sul senso della vita dove il tempo si ferma tra realtà e sogno, tra vita e morte, tra felicità e infelicità.

Le pattuglie che lo seguono sono due, forse tre. Butta un occhio sul cruscotto, segna 90! La pioggia rende l’asfalto sempre più scivoloso e le auto della polizia sembrano pattinatori inesperti su una lastra di ghiaccio. Un’ulteriore pressione sull’acceleratore e la Ferrari stacca con facilità gli inseguitori. Lui continua a fissare un punto davanti a sé. La sua destinazione ormai non è lontana.”( stralcio tratto dall’introduzione di “The Theory” di Marco Mazzoli)

Le righe scorrono veloci e in un attimo ci ritroviamo catapultati in un’altra vita, quella del protagonista sedicenne Scott che come molti adolescenti americani vive nell’incertezza della sua età, tra solitudine e difficoltà relazionali, ma Scott non è un ragazzo come gli altri. Scott ha un dono: è un visionario tormentato.

Il nostro Scott potrebbe essere definito alla “Darko”, un ricettore vivente (The Living Receiver), cioè un ragazzo “normale” che crea un ponte spazio-temporale tra la vita e la morte.

Ma la vera chiave di lettura ci viene regalata da Marco, fin dal primo capitolo, rivisitato in prima battuta dagli stessi occhi di Scott:Il battito frenetico del cuore continuava a rimbombarmi nelle orecchie. Non avevo idea di cosa fosse, quello sprazzo fugace che la mente mi aveva mostrato. Mi capitava spesso di vedere immagini che appartenevano alla vita di qualcun altro. Sentivo crescere dentro di me l’inesorabile angoscia di un presagio”

Scott è un giovane intelligente dal passato traumatico,  un ragazzo alienato che vive nella sua “stanza”, un ragazzo con una famiglia divisa, un ragazzo che considera sua madre la sua migliore amica, un ragazzo che ha “chiuso” con suo padre, un uomo violento e difficile. In Scott possono rivedersi, come in uno specchio, migliaia di giovani adolescenti tormentati.

Fonti: 105 - Mondadori

Scheda libro

  • Titolo: The Theory
  • Autore: Marco Mazzoli
  • Editore: Mondadori
  • Genere: Fantasy
  • Data di pubblicazione: 28/01/14
  • Pagine: 300

Articolo a cura di Nicoletta Zampano