HomeMagazineDati d'AscoltoL’ascolto della radio ai tempi del Covid-19 – l’indagine di GFK

L’ascolto della radio ai tempi del Covid-19 – l’indagine di GFK

TER – Tavolo editori radio, dopo la decisione di sospendere le indagini di ascolto delle radio relative al secondo trimestre 2020, ha commissionato a GFK la ricerca approfondita “L’ascolto della radio ai tempi del Covid-19”, allo scopo di monitorare il cambiamento delle abitudini di ascolto degli Italiani analizzando il ruolo della radio in questo particolare momento che stiamo affrontando.

La ricerca è realizzata con dati relativi alla quasi totalità delle emittenti pubbliche e private, nazionali e locali della radiofonia italiana.

Il progetto è stato presentato oggi da GFK con una illustrazione curata da Giorgio Licastro, Responsabile dell’Area Media di GfK Italia srl e i risultati sono riassunti in una slide presente sul sito di TER.

La prima cosa che salta all’occhio dopo un primo sguardo ai dati diffusi è che l’ascolto della radio è calato del 17%, compensato dall’aumento del tempo medio di ascolto cresciuto dell’11% (sull’ascolto degli ultimi 7 giorni).

È naturalmente diminuito l’ascolto tramite autoradio che non sparisce però del tutto compensato non soltanto dalla classica radio FM casalinga ma anche da Smartphone, TV e Pc.

La ricerca inoltre vede un importante riscoperta dell’ascolto tramite i siti e le app proprietarie o aggregatori che siano, con un +24% di reach e +61% di tempo speso nel giorno medio.

Nonostante il tempo in casa venga trascorso principalmente in compagnia, la radio resta accesa in sottofondo per accompagnare i momenti di relax o di sport – come ha precisato Giorgio Licastro – regalando serenità attraverso la musica che assume un ruolo fondamentale.

Non meno importante è il ruolo informativo della radio, sempre efficace per la tempestività e l’autorevolezza.

La radio è un mezzo a cui gli Italiani non rinuncianosi legge – piuttosto ne ricalibrano l’uso in funzione dei nuovi stili e delle nuove abitudini, favoriti, in questo, da un mezzo che è in grado di sfruttare vecchie e nuove tecnologie per consentire l’ascolto anche in modi innovativi e diversi rispetto al passato.

Molto apprezzata anche l’iniziativa «La Radio per l’Italia» dello scorso venerdì 20 Marzo – si legge in conclusione – che ha avvicinato ancora di più gli ascoltatori al mezzo.

Articolo a cura di Adriano Matteo

Adriano Matteo

Adriano Matteo

Tecnico del suono radiofonico, live e broadcast, giornalista iscritto all'albo pubblicisti della Puglia e grande appassionato di radio in tutte le sue sfaccettature. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

I 5 speaker più seguiti sui social di RDS

I 5 speaker più seguiti sui social di…

Podcast, aumento di dati in tempo di quarantena

Podcast, aumento di dati in tempo di quarantena

Articoli recenti

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.