HomeMagazineWad al World Radio Day: Breaking the radio rules

Wad al World Radio Day: Breaking the radio rules

Non è un conduttore radiofonico comune, ama la novità, scoprire cose nuove e comunicarle tutti i giorni ai suoi ascoltatori. Wad ha parlato del suo rapporto con la radio e con i giovani nell'intervista a cura di Alessandra Bellotti e Andre Tarri al World Radio Day 2024.

Wad al World Radio Day: Breaking the radio rules

Ha cambiato le regole della radio in Italia e continua a farlo ogni giorno su Radio Deejay e nel weekend su m2o; al World Radio Day 2024, lo scorso 13 febbraio al Talent Garden Calabiana, è tornato a trovarci anche Wad, conduttore di “Say Waaad?!?” su Radio Deejay e di “One Two One Two” su m2o.

La linea sottile tra rompere le regole della radio e rompere le scatole è molto sottile” ha scherzato in apertura Wad ai microfoni di Radiospeaker per poi commentare quello che è stato il Sanremo più urban di sempre, perfettamente nelle corde del conduttore di Deejay.

Ho avuto anche l’onore di parlare co Amadeus durante il Marrageddon – ha commentato Wadha messo la credibilità musicale e culturale all’interno di un Festival Urban che non significa di serie B. Questo festival lo dimostra. Angelina Mango ha vinto con una canzone che porta la Cumbia come tema centrale: la Cumbia è una delle cosa più urban della storia. L’Italia sta cambiando in questo senso e va benissimo così“.

Intervista a Wad al World Radio Day 2024: “la radio è anche formazione”

Ma rompere le regole non è sempre così facile: “Cerco sempre l’equilibrio attraverso quello che chiami rottura in un paese che ha paese ha paura della novità – ha spiegato il conduttore – Ho sempre iterpretato la radio con questo approccio quasi politico, filtrandolo sempre con la leggerezza che contraddistingue il mio programma però la radio mi ha insegnato e mi insegna tutt’ora a vivere: ho imparato cose ascoltando Linus, ascoltando la Pina, la radio inglese, americana… per me la radio è formazione anche per noi che la facciamo. Per me una puntata non va bene se alla fine non ho imparato niente, cerchiamo di imparare insieme a spero più persone possibile“.

La radio mi insegna tutti i giorni a vivere, è formazione anche per noi che la facciamo.

Wad

Wad è uno dei principali difensori del concetto di novità: “Penso che il senso di scoperta sia nel dna del dj, scoprire una canzone nuova, un genere nuovo, un nuovo modo di vestirsi, un creator, voglio alimentare questa curiosità in me e nelle persone che mi ascoltano e mi accorgo che la maggior parte dei top player vivono così. La radio è un posto di curiosità e di creatività ed è sempre stato così“.

La radio: una passione per gli studenti

Dalla Radio alle Università, oggi anche nelle scuole Michele Caporosso, questo il nome dello speaker di Radio Deejay, fa breccia nei cuori di tanti giovani. “Mi è successo di scoprire che in alcune università, girando con il tour “Say Waaad?!? meets students, ci sia chi studia il mio programmaha rivelato – Per me è assurdo perché resto e sempre sarò quel pupazzo di Altamura cresciuto in quel contesto lì. Radio Deejay per me resta oltre il sogno. Ho cominciato a frequentare le Università, abbiamo messo insieme un tour e quest’anno abbiamo iniziato ad esplorare anche il magico mondo dei licei ed è magico perché lì scopri che la radio è presente: la paranoia che la radio non è ascoltata dai giovani è una ca**o di paranoia che non so chi si sia inventato“.

Ed è anche con questa esperienza che Wad ha capito di aver creato una vera Community: “Lo capisco ogni giorno quando la gente apre la mente insieme a me ha spiegato – Ho imparato cos’è la diversità quando ho incontrato persone legate alla diversità ad esempio. Ho imparato ascoltando. La maggior parte delle cose che faccio io in diretta si riducono a una parola che è ‘ascoltare’. Sono onorato di aver ricevuto due volte la nomination ai Diversity Awards e sapere di avere la stima e il rispetto da così tante comunità diverse fra loro è una cosa davvero importante per me“.

Rivivi tutto il World Radio Day sul sito ufficiale www.worldradioday.it; l’intervista integrale a Wad, a cura di Alessandra Bellotti e Andre Tarri, è disponibile nel video che segue.

Adriano Matteo

Adriano Matteo

Tecnico del suono radiofonico, live e broadcast, giornalista iscritto all'albo pubblicisti della Puglia e grande appassionato di radio in tutte le sue sfaccettature. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Party Like a Deejay: cambia orario l’evento finale all’Arco della Pace

Party Like a Deejay: cambia orario l’evento finale…

Riccardo Cucchi, la trasparenza radiofonica in un libro

Riccardo Cucchi, la trasparenza radiofonica in un libro

Articoli recenti

Party Like a Deejay 2024: si aggiungono altri artisti

Party Like a Deejay 2024: si aggiungono altri…

Carlo Conti sarà il direttore artistico e presentatore di Sanremo

Carlo Conti sarà il direttore artistico e presentatore…

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.