HomeMagazineCuriosità RadiofonicheQuanto influisce l’era del Digitale nelle Radio locali?

Quanto influisce l’era del Digitale nelle Radio locali?

Negli ultimi anni la tecnologia ha fatto passi da gigante, importanti cambiamenti che hanno coinvolto anche la radio, in quanto mass media. Oggi qualunque emittente, dalla piccola radio locale alla grande radio nazionale, ha il suo sito internet e la sua pagina sui social, questo perché essere “on line” significa essere condivisi e avere così la possibilità di raggiungere moltissime persone con uno sforzo minimo.

Social Network a parte, la sola presenza delle varie emittenti sulla rete tramite i siti internet porta già di per sé importanti possibilità. Basti pensare all’ascolto delle radio in streaming, vantaggioso soprattutto per le emittenti locali, che altrimenti non potrebbero raggiungere determinate zone e ascoltatori.

Ma oggi la radio non si “limita” solo ad essere ascoltata, oggi la radio si ascolta, si vede e si legge. Post sui Social Network, foto, interviste-video, dirette sui canali televisivi, articoli on line… l’informazione passa in svariati modi, ed ognuno per riceverla può scegliere il canale e le modalità che preferisce.

Come apprendiamo da ilfattoquotidiano, novità importanti, anche piuttosto recenti, ci sono pure per chi la radio ama sempre ascoltarla. Qualche mese fa in Italia il passaggio dalle “classiche” trasmissioni in FM al sistema di radiodiffusione digitale DAB (Digital Audio Broadcasting) ha infatti ricevuto una spinta notevole (condizionata soprattutto dalla conversione totale della Norvegia), trasformandosi in una vera e propria corsa (incoraggiata dall’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) che ha interessato prima di tutto le grosse emittenti nazionali, e che ora sta coinvolgendo lentamente anche quelle locali.

Ai progressi in campo tecnologico, d’altronde, devono fare molta attenzione anche le emittenti medio-piccole. Il tempo e i costi di produzione sono fattori importanti, e restare al passo con i tempi ed emulare i cambiamenti introdotti dalle grandi radio è una sfida tutt’altro che semplice. Le radio locali guadagnano principalmente attraverso i ricavati della pubblicità (che oggi si è aperta un’importante strada sul web). Questi ricavi però non sono sufficienti per investire nella tecnologia come si vorrebbe, e anzi, diventano spesso la causa di una vera e propria fine delle trasmissioni.

Tra vantaggi e svantaggi, la rivoluzione digitale per i mass media è comunque una realtà costante, che, soprattutto nel caso delle emittenti più piccole, si scontra spesso con la crisi economica e la difficoltà nel sostenere campagne pubblicitarie. Far combaciare innovazione e riduzione dei costi non è facile, ma ottimizzare le spese e restare al passo con i tempi per le radio resta la sola via da seguire.

Articolo a cura di Vittoria Marchi

Radiospeaker.it

Radiospeaker.it

Siamo la Più Grande Radio Community Italiana. Database dei professionisti della radio, delle Emittenti Radiofoniche, Radio news, Corsi di Radio, servizi per le radio e tanto altro. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Lo Zoo nuovamente a rischio: lo sfogo di Marco Mazzoli

Lo Zoo nuovamente a rischio: lo sfogo di…

Workout 87: il Programma ideato per chi cerca lavoro

Workout 87: il Programma ideato per chi cerca…

Web Radio e SIAE: come ottenere la licenza e quanto costa?

Web Radio e SIAE: come ottenere la licenza…

Articoli recenti

Lo Zoo nuovamente a rischio: lo sfogo di Marco Mazzoli

Lo Zoo nuovamente a rischio: lo sfogo di…

Su 105 TV arrivano gli “Zoo Cartoons”

Su 105 TV arrivano gli “Zoo Cartoons”

Dati d’ascolto radio TER – anticipazioni 2020 il 26 Gennaio

Dati d’ascolto radio TER – anticipazioni 2020 il…

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.