HomeMagazineStrumentazione RadiofonicaStrumentazione Radiofonica: il Compressore

Strumentazione Radiofonica: il Compressore

CHE COS’E’?
Il compressore è uno degli strumenti principali per il trattamento della dinamica di un segnale audio. E’ bene dunque chiarire innanzi tutto cos’è la dinamica. La dinamica si misura in dB ed è la differenza tra il livello massimo e il livello minimo di volume di un dato segnale. Il compressore serve a ridurre e “comprimere”, appunto, questa differenza. Il compressore deve essere pensato come una sorta di fader automatico che abbassa il volume del segnale quando è troppo alto o che lo alza quando è troppo basso. Quando i picchi massimi e minimi sono stati livellati si ha la percezione che tutto il livello complessivo del segnale sia aumentato e che abbia un maggior volume.

PERCHE’ SI USA?
Molteplici sono gli usi del compressore. Qui di seguito sono elencati quelli più comuni:

– Ridurre la dinamica di un segnale per renderla adatta alle circuiterie elettroniche e/o agli amplificatori, ed evitare in questo modo che subisca delle distorsioni.

Comprimere un programma che ha una notevole dinamica per renderlo adatto ad un supporto o dispositivo con una dinamica minore, o a una radio AM o FM che ha una dinamica ridotta (rispettivamente 20-30 dB e 40-50 dB).

Rendere più fruibile l’ascolto di un programma o di una traccia innalzando il volume dei passaggi più tenui altrimenti coperti da altre tracce o dal rumore di sottofondo.

Aumentare il volume medio di una traccia o di un mix in modo che sembri suonare più forte

Modificare il timbro di un segnale.

COME FUNZIONA?

Per usare al meglio il compressore è necessario comprendere il funzionamento dei suoi parametri di controllo.

– Threshold (soglia): con questo parametro si stabilisce la soglia dopo la quale il compressore inizia a funzionare. Per esempio se settiamo la soglia a -15 dB vuol dire che quando il livello del segnale supera 15dB il compressore inizierà a ridurlo.

– Ratio (rapporto): serve a determinare la quantità di compressione, ovvero di quanto il compressore riduce il segnale. Per esempio se impostiamo la ratio ad un valore di 4:1 vuol dire che il livello del segnale che ha superato la soglia verrà ridotto a ¼. Se il segnale superava la soglia di 12 dB, dopo la compressione continuerà a superare la soglia, ma solo di 3 dB. Per soglie molto elevate (maggiori di 10:1) il compressore diventa a tutti gli effetti un limiter: oltre la soglia impostata non passerà più nemmeno un dB.

– Attack (tempo di attacco): è il tempo impiegato dal compressore per iniziare ad agire una volta che il segnale ha superato la soglia. Con un tempo di attacco medio/lungo il segnale avrà più tempo di superare la soglia prima di essere compresso. Un tempo di attacco breve invece renderà l’azione del compressore quasi immediata. L’attack è un parametro importante per evitare il così detto “effetto pompaggio” cioè il brusco aumento e diminuzione della dinamica. Scegliendo opportuni tempi di attack la compressione diventerà più uniforme e naturale.

– Release (tempo di rilascio): è il tempo impiegato dal compressore per smettere di agire una volta che il segnale è ritornato sotto la soglia. Dopo che il segnale è andato sotto la soglia possiamo scegliere se il compressore deve smettere subito di agire o se deve continuare ancora a comprimere per un po’ di tempo. Anche il release è da tenere in conto per evitare l’effetto pompaggio (vd. sopra).

– Output (gain make-up): è il guadagno che si applica in uscita, quindi al segnale compresso. Serve a compensare i dB (il volume) persi a causa della riduzione della dinamica. E’ bene settare il gain make-up basandosi sul meter del Gain Reduction (GR) che indica appunto i dB persi nella compressione.

– Hard/Soft Knee: la modalità hard knee determina un intervento a scatto del compressore non appena il segnale supera la soglia; la modalità soft knee determina invece un azione più dolce e graduale. (La schermata del plug-in di compressione di Cubase6)

COME SI USA: CONSIGLI E SUGGERIMENTI:

Il compressore è senza dubbio uno degli strumenti più difficili e meno intuitivi da usare. Per iniziare può essere utile seguire alcune linee guida.

– Mettiamo a zero i parametri di attack e release.
– Abbassiamo del tutto la soglia di modo tale che la quasi totalità del segnale entri nel compressore.
– Impostiamo la ratio ad un valore molto alto (di almeno 5:1).
– Gradualmente iniziamo ad alzare il livello di attack finché non riusciamo ad ascoltare in maniera intellegibile il segnale, vale a dire finché non individuiamo gli attacchi delle singole note e/o parole.
– Abbassiamo la soglia e la ratio sui 4/5:1 in modo tale che il meter della GR (gain reduction) segni all’incirca 6dB.
– Ridiamo con il gain make up i 6 dB persi.

Oppure
– Impostiamo un valore di attack medio (metà corsa del potenziometro) e una release veloce.
– Regoliamo la soglia in modo tale che sul meter della GR leggiamo 5/6 dB (il valore di ratio è ininfluente, si consiglia comunque di settarlo almeno a 4:1).
– Una volta regolata la soglia ridiamo con il gain make-up i 5/6 dB persi.
– Aggiustiamo attack e release per rendere la compressione uniforme e fluida.

Articolo a cura di Marina Baglivo

Radiospeaker.it

Radiospeaker.it

Siamo la Più Grande Radio Community Italiana. Database dei professionisti della radio, delle Emittenti Radiofoniche, Radio news, Corsi di Radio, servizi per le radio e tanto altro. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

I 5 speaker più seguiti sui social di RDS

I 5 speaker più seguiti sui social di…

Podcast, aumento di dati in tempo di quarantena

Podcast, aumento di dati in tempo di quarantena

Articoli recenti

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.