Conduzione radiofonica: consigli per comunicare in maniera efficace

Conduzione Radiofonica

Conduzione radiofonica: consigli per comunicare in maniera efficace

Parlare al microfono è tanto affascinante quanto impegnativo. Sono innumerevoli le sfumature e gli aspetti tecnici del mestiere che differenziano un fuoriclasse della Radio da uno Speaker nella norma.

In questo articolo cercheremo di indicare le linee guida che un aspirante speaker dovrebbe seguire per comunicare in maniera diretta ed efficace (prendendo spunto da “Teorie e tecniche di conduzione radiofonica”, un vero e proprio manuale per conduttori radiofonici che molti di voi già conosceranno e acquistabile direttamente dal nostro sito),  precisando che non c'è nulla di più vario e soggettivo dell'universo radiofonico, ricco di stazioni e voci di ogni tipo.

Il presupposto da cui partire è che bisogna parlare con uno stile colloquiale, con un tono sorridente, ma colloquiale (a meno che non siate un giornalista radiofonico).

Dovete immaginare di chiacchierare con un amico, quindi evitare di impostare la voce e soprattutto di utilizzare in frasi fatte ed espressioni che non usereste mai nella vita di tutti i giorni.

Purtroppo capita spesso di sentire speaker che lanciano “il primo disco di giornata”, nella “mattinata odierna”, e salutano gli “amici ascoltatori” come nella tv degli anni '60.

Il gergo radiofonico nel corso degli anni è cambiato; i tempi del disc jockey che parla con la voce impostata appartengono al passato.

Gli ascoltatori amano sentirsi coinvolti, vedono la radio come uno strumento amico che ha il dovere di divertire, distrarre, informare, emozionare, e per farlo con efficacia è necessario essere coraggiosi nel saper utilizzare il linguaggio di tutti i giorni.

Essere spontanei insomma, ovviamente senza scadere nella volgarità e non impoverendo il proprio vocabolario.

Altro aspetto fondamentale è la capacità di sintesi; un abile Speaker dev'essere in grado di dire qualcosa di sensato e possibilmente interessante nel minor tempo possibile, senza troppi giri di parole; la soglia di attenzione di chi ascolta non sempre  è elevatissima dato che la radio è spesso uno strumento di sottofondo, quindi basta poco per annoiare un ascoltatore e indurlo a cambiare frequenza.

I contenuti da trattare, se volete semplicemente intrattenere e non avete pretese più elevate, dovrebbero essere leggeri (notizie di attualità, costume, cinema, sport, musica, curiosità).

La preparazione di un intervento radiofonico richiede comunque molta cura e una discreta cultura generale da parte dello speaker, che dovrà quindi essere sempre informato su ciò che avviene nel mondo.

Esiste una tecnica ben precisa per elaborare un talk radiofonico efficace. Si chiama tecnica dell'AIDA ed è utilizzata anche nel mondo del marketing; è studiata appositamente per suscitare l'attenzione dell'ascoltatore e merita decisamente un approfondimento a parte (che potete trovare qui).

Un altro aspetto su cui  porre l'accento è la cultura musicale, a mio parere fondamentale per risultare credibili al microfono. Che lo si voglia o no la musica gioca un ruolo fondamentale nella radio, ed è necessario che il padrone dello show abbia il completo controllo della situazione e sappia di cosa stia parlando. Troppo spesso capita di sentire titoli storpiati con pronunce inascoltabili o accorgersi che la musica viene messa in secondo piano e quasi bistrattata.

Saper “entrare” nei dischi modulando la voce, arrivare con i tempi giusti nelle intro e nelle uscite piuttosto che buttare là nome dell'artista e titolo fa tutta la differenza del mondo.

Così facendo si riesce a dare molto più ritmo al programma, rendendolo più lineare nel suo complesso, e di conseguenza molto più piacevole da ascoltare.

Se finora abbiamo parlato di ciò che nella conduzione radiofonica si dovrebbe fare, è bene mettere in evidenza anche ciò che va assolutamente evitato.

Bisogna sempre tenere a mente che la radio viene ascoltata da gente di qualsiasi età, di qualunque sfera sociale, e da ogni parte d'Italia.

Questo dovrebbe aiutarvi a capire che gli stereotipi e le discriminazioni di ogni natura possono portare a conseguenze catastrofiche, anche alla perdita del posto di lavoro (ci sono diversi precedenti in questo senso).

Ricordate sempre che questo mestiere comporta grandi responsabilità e dunque quanto sia importante prestare attenzione a ciò che si dice, dare il giusto peso alle parole, e soprattutto avere rispetto di chi ci ascolta, cercando chiaramente di rimanere se stessi e di non appiattirsi.

Se al termine di questo articolo state iniziando a pensare che fare Radio sia abbastanza  complesso e che ci ci sia dietro molto più lavoro di quanto pensaste, beh...avete indovinato.

Ci sono tantissimi aspetti da curare e su cui lavorare ma non abbiate timore, perchè attraverso la pratica quotidiana e la perseveranza questi meccanismi entreranno in voi con assoluta naturalezza.

Ma come si può diventare Speaker Radiofonici?

Radiospeaker.it offre la possibilità ai propri allievi di diventare speaker radiofonico tramite il Corso di Conduzione Radiofonica a Roma e Milano. Di seguito tutte le informazioni utili:

Insegnante di Roma: Dino Brown - Conduttore radiofonico presso M2o. In onda tutti i giorni dalle 17:00 alle 18:00 con Controtendance e il sabato mattina con GloGloGlo. Dj e Vocalist nei club più importanti d'Italia. Per tutti i dettagli visita il Sito di Dino Brown

Insegnante di Milano: Simone Maggio - Conduttore radiofonico di Radio Italia e già conduttore presso Radio Monte Carlo Radio Norba, Radio Manbassa, Play Radio, Radio Rama e Radio Studio 104. Fino al 2012, direttore artistico di Radio Rama. Ha maturato esperienze televisive per Manbassa Tv, Telenorba, Rai uno, X Factor - Rai 2. Simone Maggio è anche Presentatore tv, animatore, vocalist e doppiatore pubblicitario per brand come Invicta, Mediaworld, Yomo, Banca Carige, Younger & Bresson, Geox, Leggo, Saturn, Banca Intesa.

Da parte loro, consigli e utili suggerimenti per fare del proprio divertimento una seria professione!

Al termine del corso:

-
Una propria DEMO RADIOFONICA per attirare l’attenzione di Direttori Artistici ed Editori

- GADGETS e T-SHIRT in omaggio

- E-BOOK "Teorie e Tecniche di Conduzione Radiofonica", scritto da Giorgio d’Ecclesia, CEO di Radiospeaker.it.

- ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE da aggiongere al proprio cv.

LEZIONE IN DIRETTAè prevista una diretta radiofonica durante la quale gli alunni del corso potranno mettere in pratica le tecniche radiofoniche apprese.

MAGGIORI INFORMAZIONI

INFO CORSO GENERALI: Leggi tutte le info sul Corso di Conduzione Radiofonica

ROMA: Leggi tutte le info sul Corso di Conduzione Radiofonica a Roma

MILANO: Leggi tutte le info sul Corso di Conduzione Radiofonica a Milano

TELEFONO RADIOSPEAKER.IT: 06.88934047

GUARDA LE IMMAGINI DEL CORSO DI CONDUZIONE RADIOFONUICA

GUARDA IL VIDEO DEL CORSO DI CONDUZIONE RADIOFONICA