Il Ritorno in Radio: chi vorreste e chi no?

Curiosità Radiofoniche

Il Ritorno in Radio: chi vorreste e chi no?

Una notizia di qualche giorno fa. Le dichiarazioni di Oscar Giannino, ex leader di “Fare per fermare il declino”, partito che ha fallito alle ultime elezioni politiche dopo tutti i proclami iniziali soprattutto a causa delle menzogne sulla preparazione scolastica, le lauree e i master mai conseguiti da Giannino come tutti ricorderete, mi hanno fatto riflettere. In un’intervista rilasciata a Libero proprio Giannino, dopo essere sparito dalle scene per le falsità raccontate, torna e dice di voler fondare un proprio giornale economico e soprattutto tornare a condurre il suo vecchio programma radiofonico.

Infatti, per chi non lo sapesse, trasmetteva su Radio24 con il programma “Nove in punto”, una trasmissione dedicata ai fatti e ai temi del giorno in onda ogni mattina dalle 9 alle 10 (trasmetteva perché ovviamente ora è stato sostituito, il nuovo conduttore è Simone Spetia) ed era stato rimosso anche dal ruolo di speaker. Aveva fatto scalpore una dichiarazione di qualche mese fa del Cdr di Radio 24 che aveva aspramente criticato la possibilità di un ritorno del giornalista alla conduzione. Queste alcune delle parole del comunicato: “In questo stato di cose, l’ipotesi di un rientro di Giannino a "Nove in punto" viene considerata dal Cdr poco opportuna.

Di qui la richiesta al direttore e all’azienda di riconsiderare l’eventualità e consentire al collega di trovare altre opportunità professionali”. L’ultima intervista di Giannino cambia però leggermente le carte di tavola: il giornalista dice infatti di essere in contatto e in accordo con il direttore Tamburini, di avere ancora un contratto e di tornare in onda da luglio, nonostante non siano arrivate conferme dalla redazione dell’emittente. Senza ovviamente soffermarsi sul fatto che una persona come Giannino avrà valutato bene la scelta di chiedere di tornare in radio dopo tutto quello che è successo negli ultimi mesi, volevo concentrarmi sul fatto dei “ritorni”.

In radio capita spesso che speaker che, magari, hanno fatto la storia di una certa emittente, dopo una pausa dalle trasmissioni oppure dopo esperienze in altri network tornino in quello che li ha lanciati o li ha resi famosi. Uno su tutti, ultimamente, il ritorno di Marco Baldini a Radio Deejay, che dopo le note vicende a Radio Manà Manà si è conquistato il suo spazio mattutino nel weekend con “Il Marchino ha l’oro in bocca”, ottenendo anche un buonissimo riscontro da parte degli ascoltatori. Anzi, proprio i fedelissimi ascoltatori del Baldini di “Viva Radio Deejay” degli anni Novanta aspettavano con grandissima trepidazione il suo ritorno e non vedevano l’ora di risentirlo On air.

A questo proposito, collegando anche la notizia iniziale del possibile ritorno di Oscar Giannino ai microfoni di Radio24, voi chi vorreste risentire in radio o veder “tornare” in una particolare emittente? E dall’altra parte, chi proprio non vorreste veder tornare all’ovile? I nomi che si potrebbero fare sono davvero tanti, visti i molti speaker che ora non stanno lavorando o che, causa un massiccio “mercato radiofonico” negli ultimi anni, hanno cambiato spesso emittente e ancora potrebbero farlo.

Io un nome ce l’ho, uno su tutti. Mi spiace perché sicuramente è un ritornello sentito troppe volte e non è un’idea così innovativa, ma risentire Fiorello in un network italiano sarebbe un sogno. La radio di Fiorello è sempre qualcosa di imprevedibile, gradevole e fuori dagli schemi, che forse andrebbe in contrasto con la struttura piuttosto consolidata e fissa con cui si presentano i network oggi, forse quello di cui ci sarebbe bisogno. Al contrario però, riportare un personaggio così “pesante” e “accentratore” come Fiorello in radio potrebbe provocare una serie di aspettative eccessive e pressioni nei suoi confronti che potrebbero limitare la sua vena creativa, anche perché lo stesso Fiorello ha sempre dichiarato di sopportare poco tutti i progetti basati sui numeri e che vedono i dati come l’unico risultato da valutare e tenere in considerazione.

Questa è ovviamente solo la mia opinione. Sono sicuro che avrete tutti dei sogni radiofonici nel cassetto e allora sarebbe bello sapere un po’ di nomi: chi vorreste risentire in diretta e dove?

Articolo a cura di Nicola Zaltieri

Fonti:

liberoquotidiano.it

ilgiornale.it