HomeMagazineConduzione RadiofonicaConduzione Radiofonica: quando lo Speaker diventa “psicologo”

Conduzione Radiofonica: quando lo Speaker diventa “psicologo”

L’evento di questi giorni, il Festival di Sanremo 2016, mi ha dato modo di pensare e di riflettere su quanto a volte sia complicato il ruolo dello speaker radiofonico.

A partire dai grandi network sino ad arrivare alle radio locali, in questo periodo non si è fatto altro che parlare dei protagonisti di questa edizione ed i più fortunati hanno avuto anche l’occasione di intervistare cantanti in gara, membri della stampa, componenti della giuria sino ad arrivare agli ospiti.

E’ proprio questo che mi ha fatto pensare a quanto sia difficile a volte il ruolo dello speaker.

Non è infatti facile preparare e svolgere un’intervista con un artista, non solo per il tempo che concretamente bisogna trascorrere a studiare, approfondire e documentarsi sulla persona che avremo in diretta.

Infatti il momento in assoluto più difficile credo sia quello in cui l’intervista viene realizzata e questo per i comportamenti e dei modi di essere degli ospiti con cui andremo a parlare.

Se il personaggio è simpatico, disponibile ed educato, allora l’intervista inizia con il piede giusto, se invece l’ospite in questione appare chiuso e riservato, è lo speaker a dover tirare fuori il meglio di se, diventando una sorta di “psicologo” che deve riuscire ad entrare nella mente dell’intervistato per capire quali “corde” poter toccare, quali temi e argomenti, per non andare a infastidire chi ci sta di fronte e per fare in modo che il colloquio sia interessante per chi è all’ascolto.

Ancora più difficile è il compito di chi deve svolgere un’intervista “a distanza” senza avere l’ospite fisicamente presente in diretta. Se infatti in quest’ultimo caso i gesti ed il comportamento dello stesso possono aiutarci a capire con quale metodo si debba approcciare all’intervista, qualora il personaggio in questione sia distante il compito risulta ancora più difficile perché si ha a disposizione solo il tono e la cadenza della sua voce per capire in poco tempo come impostare la conversazione.

Insomma, il ruolo dello speaker è molto bello ma a volte anche molto complesso e questo a dimostrazione del fatto che non ci si può improvvisare in questo lavoro e nulla può essere lasciato al caso.

Conta la preparazione ed anche la capacità, quando si tratta di dover svolgere delle interviste, di diventare “psicologi” per riuscire a saper leggere nella mente di chi abbiamo di fronte e poter realizzare un’ottima intervista.

E voi vi siete mai trovati in difficoltà in un’intervista in Diretta Radio?

Articolo a cura di Mattia Savioni

Radiospeaker.it

Radiospeaker.it

Siamo la Più Grande Radio Community Italiana. Database dei professionisti della radio, delle Emittenti Radiofoniche, Radio news, Corsi di Radio, servizi per le radio e tanto altro. Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Rai Radio Live: Sue Eccellenze torna in una versione tutta al femminile

Rai Radio Live: Sue Eccellenze torna in una…

Radio AM: pregi e difetti di una trasmissione old style

Radio AM: pregi e difetti di una trasmissione…

Articoli recenti

Laura Basile si prende una pausa in radio

Laura Basile si prende una pausa in radio

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.