Soundreef vs Siae: la non profit Lea raccoglierà i diritti in Italia

Radio News

Soundreef vs Siae: la non profit Lea raccoglierà i diritti in Italia

C'è aria di festa a Soundreef, l'azienda italiana che dal 2011 si occupa dei diritti d'autore e che negli ultimi anni ha raggiunto grandi traguardi con l'arrivo di grandi nomi quali Fedez, J-ax, Enrico Ruggeri. L'azienda nata da un budget di 85k, come riporta la stessa in un post facebook, da 7 anni è l'azienda competitor del colosso SIAE.

"È stata una lunghissima lotta. Partita nel 2011 con soli 85k di investimenti. Le persone ci guardavano come matti. Noi abbiamo sempre pensato che fosse difficile ma possibile. Speriamo che la nostra storia sia interessante al di là del diritto d’autore e che ispiri altri aspiranti imprenditori ad avere senso critico, ad innovare a favore dei cittadini, a sfidare costruttivamente lo status quo. Anche in Italia si può fare. Grazie a tutti coloro che ci hanno sostenuto, a tutti gli autori ed editori che hanno creduto in noi sin dall'inizio, a tutti i giornalisti che hanno dato spazio alla nostra battaglia e a tutti coloro che hanno dialogato con noi costruttivamente. Grazie!" 

La Soundreef ringrazia così chi ha creduto in questa idea e tramite una conferenza stampa, ha comunicato che affiderà la riscossione del copyright per i suoi artisti (circa 11 mila in Italia) a Lea (Liberi editori autori), ovvero una nuova associazione non profit composta da autori, editori e professionisti italiani tutti impegnati nel settore musicale. Tanto basta per consentire a Soundreef di operare legalmente in Italia.

Come apprendiamo da Repubblica, anche Fedez esprime la sua gioia per questa vittoria: "Ho creduto fin dall'inizio al progetto di Soundreef . Oggi questa battaglia tra Davide e Golia ci vede tagliare il traguardo".

Che sia un punto di svolta per il mercato dei diritti d'autore italiano? Staremo a vedere se Soundreef si rivelerà il primo caso apripista a future startup, concorrenti di SIAE, per un mercato all'insegna di una maggiore libertà. 

Redazione
Radiospeaker.it