HomeMagazineCuriosità RadiofonicheRadio: le fasce orarie come sono suddivise?

Radio: le fasce orarie come sono suddivise?

Su Radiospeaker.it abbiamo spesso parlato di come in una emittente sia fondamentale il clock radiofonico. La traduzione italiana è naturalmente “orologio” e proprio quella è la sua funzione, organizzare l’ora in modo da dare “spazio” a tutti gli appuntamenti inserendo momenti in cui lo speaker parla, canzoni, spot e intermezzi come jingle e liner.

Raramente ci siamo soffermanti sull’organizzazione delle trasmissioni nel corso di una giornata. Come vene divisa la programmazione radiofonica nell’arco delle 24 ore

MORNING SHOW
Iniziamo dalla mattina, con i cosiddetti “Morning Show“, famosi per tenere compagnia agli utenti fin dalle prime ore della giornata che, a volte, possono iniziare veramente presto. Tutti Pazzi per RDS ad esempio comincia alle 5.00. Mediamente però, l’orario dei Morning Show è compreso fra le 6.00/7.00 e può protrarsi fino alle 10.00 circa. Parliamo di una fascia che vede molte persone in giro, che si ritrovano sui mezzi o in auto, pronti per andare al lavoro (o a scuola, per i più giovani). Nella maggior parte dei casi abbiamo trasmissioni dal ritmo frenetico, fresche e leggere. Quasi tutte hanno come obiettivo quello di tenerci svegli e dare la carica per l’inizio della giornata.
PRIME TIME
Subito dopo i programmi mattutini, possiamo parlare di Prime Time. Quest’ultimo ha la funzione di accompagnare gli ascoltatori fino all’orario di pranzo, rendendolo un momento delicato della giornata, che può fare la differenza. È l’orario di Linus e Nicola Savino con Deejay Chiama Italia che, come gli altri programmi di questa fascia, hanno spesso un ritmo più tranquillo e intrattenitivo. Si parla perlopiù di attualità e c’è spesso anche la possibilità di intervenire da parte degli ascoltatori, che hanno dunque un ruolo decisamente attivo. 
LUNCH TIME
L’ora di pranzo, il cosiddetto Lunch Time,è compresa più o meno fra le 12.00 e le 14.00/15.00 e può essere terreno fertile per show come Lo Zoo di 105 o Ciao Belli. Non solo però, perché molte emittenti scelgono questo momento per programmi più soft, con lo scopo di intrattenere e rilassare. Si tratta di una fascia decisamente importante, perché va a posizionarsi in uno dei momenti della giornata in cui la gente o è in pausa pranzo, oppure sta tornando a casa, magari in auto: in ogni caso, è un orario decisamente ricco di potenziali ascoltatori. 
POMERIGGIO
Con il pomeriggio si intende quella fascia oraria compresa tra il Lunch Time e il Drive Time. Può partire intorno alle 14:00/15:00 fino alle 18.00/19.00 ed è trattato dalle radio in maniera molto diversa, ma hanno in genere dei contenuti frizzanti e divertenti, spesso in co-conduzione. A volte comprende programmi che dal post-pranzo si protraggono fino alle 16.00 o alle 17.00, come ad esempio il già precedentemente citato Zoo.  
 
DRIVE TIME
Arriviamo adesso nel momento forse più delicato della giornata ed ambito da molti speaker: il Drive Time. Il Drive time parte attorno le 18:00/19:00 per arrivare fino 20:00 circa. L’orario che, come dice il nome, vede molti ascoltatori di rientro dal lavoro pronti a sintonizzarsi sulla radio preferita mentre guidano tornando a casa. Tra i più famosi drive time degli ultimi anni, troviamo La Zanzara su Radio 24 o gli Autogol su 105.
 
LA SERA
Concluso il Drive Time, ci avviamo alla programmazione serale che, almeno a livello di utenti, non può certo dirsi la più affollata. Si tratta di una delle fasce dove è veramente difficile trovare persone che, mentre sono in cucina o sono appena tornate dal lavoro, accendano la radio. La notte, invece, è sicuramente il periodo con meno ascoltatori connessi e, di conseguenza, la meno ricca di contenuti. Nella maggior parte dei casi o viene messa della musica intervallata da spot e jingle, o è terreno fertile per le repliche delle puntate andate in onda nel corso della giornata.
 
Un capitolo a parte lo vogliamo dedicare al weekend che, nonostante condivida una buona porzione del palinsesto con la fascia notturna (repliche e musica), può contare su programmi che vanno in onda solo il sabato o la domenica, magari affidati a speaker nuovi, che devono dimostrare di che pasta sono fatti, o sui “best of”, che raccolgono i momenti migliori delle trasmissioni che vanno dal lunedì al venerdì.
 
Articolo a cura di Alessio di Pietro
Alessio Di Pietro

Alessio Di Pietro

Leggi i miei articoli

Articoli popolari

Articoli recenti

Ticket to Read torna in viaggio verso il Salone del Libro di Torino

Ticket to Read torna in viaggio verso il…

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità del Settore Radiofonico.